[REVIEW] Olio di Mostarda

Da quando possiedo un mio micro-stipendio, l'idea di potermi consentire quelli che, secondo me, sono i prodotti migliori a livello cosmetico/accessorio/di abbigliamento mi fa gongolare non poco. Lo so, lo so, è un'ebrezza che col tempo magari ti passa, ma lasciatemela godere per ora.
Fatta questa premessa, mi è necessario smontarla subito: mi sono bastati 1,50€ per capire che la mia pelle non aveva bisogno d'altro che di... olio di mostarda (o senape). 

Come ormai forse saprete, vivo a Milano in una zona abbastanza multietnica: il negozietto dove reperisco gli olietti ed il mio henné della vita (il Sahara Tazarine) è appena a 5 minuti a piedi da casa mia. Che ve lo dico a fare, amo Milano principalmente per la quantità di luoghi dove trovare TUTTO, aperti SEMPRE, raggiungibili SUBITO. Taaac!

Eniuei, qualche mese fa, in uno dei miei momenti youtube binge watching, sono capitata sul canale di una ragazza che parlava di cura dei capelli (ve lo ricordate che ho l'OCD per i capelli, sì?). 
Tutto quello su cui faceva affidamento, oltre all'henné, era questo fantomatico olietto color carota, che dopo un po' di video, finalmente si rivelava essere olio di mostarda (o senape, again).
Quello che sosteneva la ragazza (e che poi l'internet mi ha confermato) è che le proprietà di quest'olio sono quelle che ogni miscela magica dovrebbe avere. 


Si tratta, come vedete, di un olio dal colore arancione carota, al tatto molto setoso e denso, al pari direi dell'olio d'oliva. Nota negativa: ha un odore un po' pungente che potrebbe non piacere. A me infatti non piace, ma tant'è. 
Andiamo alle proprietà: 
Principalmente, l'olio ottenuto dai di semi di senape nera risulta essere un grandissimo stimolante della circolazione sanguigna e linfatica. Quindi, usato sui capelli come impacco, magari massaggiato bene e lasciato in posa per qualche ora, dovrebbe garantire sul lungo periodo infoltimento e inspessimento della chioma. Musica per le mie orecchie! E non solo: usato sul corpo, invece, come olio da massaggio (nella medicina Ayurvedica, infatti, è principalmente impiegato a tale scopo), promette al contempo idratazione, migliorerebbe il "tono" della pelle, e, poiché tonifica e "riscalda", potrebbe anche essere usato come aiuto per i trattamenti snellenti

Come nella migliore delle storie, ovviamente ha completamente sostituito la mia crema corpo. Sui capelli l'ho usato veramente pochissime volte, perché non ho mai il tempo di fare impacchi ultimamente. Anche perché, trattandosi però di un olio denso e pesante, non è così facile da risciacquare dopo. Anche per questo, ha bisogno di un bel massaggio ricco sul corpo dopo la doccia, e prima che si asciughi passa un bel po' di tempo - dunque ve lo consiglio quando avete il momento di concedervi la coccola in più. 

Ho ricevuto complimenti da più persone per la morbidezza della mia pelle! (Detta così è un po' strano ma ero super consenziente. Erano la mia amica Ale ed il mio fidanzato, LOL.) 
Ed io stessa sono abbastanza convinta di non essere mai stata così morbida così a lungo! 
Alcuni siti parlano anche di proprietà curative e antisettiche (quindi brufoletti & co), e mi sento di dire che hanno ragione: spesso e volentieri, coi primi caldi (e col fatto che spesso mi scrubbo con parecchia violenza) la zona decolleté mi si costella di piccoli puntini, che sinceramente mi fanno ribrezzo e odio profondo. Da quando utilizzo regolarmente quest'olio, sono spariti. 

Per tutte queste sue proprietà "riscaldanti", leggevo che è meglio fare una prova su una zona: potrebbe, sulle pelli più sensibili, dare disturbi. 
Su di me, però, è l'amore!
Tra questo e l'olio di sesamo, credo di non aver provato niente di così davvero idratante :D 

Quali sono i vostri oli preferiti? 
A presto!
xoxoxo

11 commenti:

  1. Non conoscevo le proprietà di questo olio! In verità, ho iniziato da poco proprio ad approfondire tutto ciò che ruota attorno agli oli puri in generale, ma quando mi dici che attenua i brufoletti sul décolleté �� Mi hai fatto venire voglia di provarlo ( sempre che lo riesca a reperire, dato che a differenza di Milano, dice vivo io, tanto verde ma pochi negozi ;) Ahhh si fatti tornare la voglia di scrivere assolutamente!

    RispondiElimina
  2. Non sapevo neppure che esistesse un olio di mostarda da utilizzare ad uso cosmetico :D devo dire che ha proprio un bel colore.
    Io per eliminare i brufoletti sul decollete...semplicemente non uso creme né oli. Lavo la zona, la asciugo e basta. Ho capito che erano loro a farmeli spuntare. Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non riesco a farne a meno degli oli ovunque, quindi quando ho trovato questo qui *__* amore!

      Elimina
  3. lo voglio!!! davvero interessante e sconosciuto ai più!
    e w milano ;)
    Baci

    RispondiElimina
  4. Ecco, io sono la fan numero uno degli oli tuttofare! Al momento, il mio preferito è quello di sesamo, che uso come struccante, come impacco pre-shampoo, a mo' di colluttorio e come idratante e dopo sole per il corpo. Ma di questo non avevo mai sentito parlare, e siccome vivo anche io in una zona piena di negozietti etnici, vado subito alla ricerca :)
    Ciao!
    Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anch'io amo amo quello di sesamo! sarà il prossimo quando finirò questo :D

      Elimina
  5. Mi hai fatto conoscere un prodotto completamente nuovo :)
    Le proprietà sono davvero interessanti! Farebbe molto comodo alla mia pellaccia di questo ultimo periodo!

    RispondiElimina
  6. Considerando che per me la senape è quella che si mette sui wurstel e che quando ho scoperto che esistevano i semi di senape (che per me era il nome della salsa tipo maionese per intenderci) sono rimasta basita, sappi che ora sono proprio scioccata.
    Nella mia testa sto già gridando "mi serve!" come solo io so fare.

    RispondiElimina
  7. Per fortuna ho recuperato questo post...io col tempo (che passa) apprezzo sempre di più gli oli, ma chi l'aveva mai sentito quello di...mostarda?!!? Che bellezza, un giorno mi porti in questo negozietto? :)

    RispondiElimina